Menu

Virus outbreak

200525-COVID-19-and-the-gut-lung-axis-653x337px

COVID-19: “the gut-lung axis” – ruolo di Polymyxin B Hemoperfusion

Toraymyxin® è già stato utilizzato per il trattamento di pazienti COVID-19 gravi in Europa, Russia, Asia e negli Stati Uniti. Sulla base delle conoscenze attuali di fisiopatologia nel paziente COVID-19 e nel contesto di altre infezioni virali simili, è razionale pensare ad un ruolo di Polymyxin B Hemoperfusion come terapia addizionale nei pazienti COVID-19 non-responsivi.

200421-Health-Canada-PMX-653x337px

Health Canada ha autorizzato Toraymyxin nel trattamento di pazienti COVID-19 come Interim Order

Spectral Medical Inc annuncia con press release del 20 Aprile 2020 che l’ente governativo canadese Health Canada ha emesso autorizzazione temporanea (Interim Order) per l’uso del Medical Device Toraymyxin nel trattamento di pazienti COVID-19, particolarmente quelli con importanti forme di insufficienza respiratoria acuta, estendendo le precedenti indicazioni d’uso già approvate.

200414-FDA-PMX-653x337px

US FDA ha autorizzato Toraymyxin nei pazienti COVID-19 con shock settico come Investigational Device Exemption

Spectral Medical Inc annuncia in data 14 Aprile 2020 che l’ente statunitense FDA (US Food and Drug Administration) ha approvato l’utilizzo del medical device Toraymyxin per il trattamento di pazienti COVID-19 in presenza di shock settico come Investigational Device Exemption

200330-Adsorptive-membranes_COVID-19-653x337px

Il ruolo delle membrane adsorbitive TORAY in pazienti con CKD, AKI o MOF affetti da COVID-19

È del tutto razionale andare a considerare una strategia emodialitica che al contempo risulti efficace sia come trattamento di supporto renale sia come attività di immunoprotezione e immunomodulazione attraverso la rimozione di mediatori dell’infiammazione generati dalle cellule immunitarie durante il progresso della malattia.

200228-ECOS-VIRUS-OUTBREAK-653x337px

Extracorporeal organ support during viral outbreaks

In un recente articolo Spotlight pubblicato su The Lancet Respiratory Medicine, Claudio Ronco, Paolo Navalesi e Jean Louis Vincent discutono sul possibile ruolo delle terapie extracorporee di supporto d’organo nel contesto di terapia intensiva durante un’epidemia virale, come l’attuale di COVID-19.
Di seguito riassumiamo le esperienze cliniche ad oggi disponibili in letteratura in merito all’utilizzo della terapia di Polimixina B in emoperfusione in pazienti con infezioni virali (H1N1 – H5N1 influenza) che sviluppano polmonite grave e/o ARDS.

200228-COVID-19-653x337px

CORONAVIRUS DISEASE (COVID-19)

L’EPIDEMIA DI CORONAVIRUS (COVID-19) Verso la fine del 2019, un nuovo coronavirus (inizialmente denominato 2019-nCoV, ora SARS-CoV-21) è stato ritenuto responsabile di una serie di casi atipici di polmonite nella città di Wuhan, in Cina. Da allora, il virus si è diffuso sia all’interno sia al di fuori della Cina e l’OMS ha dichiarato lo stato […]